Ristrutturare il bagno: 5 step per non trovarti impreparato

I nostri consigli per iniziare la ristrutturazione del bagno

Stai pensando di ristrutturare il bagno della tua abitazione e non sai proprio da dove cominciare. Ti stai chiedendo cosa serve, di quanto budget hai bisogno o se ci sono agevolazioni fiscali. 

Ecco, sei nel posto giusto. In questo articolo affrontiamo passo passo i 5 step necessari per non trovarti impreparato nel caso in cui tu stia pensando di ristrutturare completamente il bagno di casa.

1. Da dove cominciare? Le fasi iniziali per ristrutturare il bagno

Come prima cosa, l’impresa che svolge i lavori procederà alla demolizione del vecchio bagno: questo significa che tutto viene smantellato per permettere le opere di ristrutturazione. Una volta smantellati anche i sanitari, si è pronti per procedere. 

La fase successiva prevede la rimozione del massetto nel caso in cui risulterà necessario intervenire sugli impianti. In questa fase è necessario stabilire se cambiare la posizione dei sanitari: se sì, bisognerà eseguire le tracce delle nuove tubazioni. 

Nella seconda fase la parola passa agli impiantisti, idraulici ed elettricisti, i quali provvederanno a predisporre i nuovi impianti seguendo le tracce stabilite. 

È sempre consigliabile in questa fase fare delle fotografie di archivio: saranno utili nel caso di perdite o guasti futuri.  Si procede quindi alla chiusura delle tracce, ripristinando così il sottofondo.

Da questo momento in poi, è possibile procedere con la posa dei pavimenti, dei rivestimenti e dei sanitari. 

Seguirà il collaudo dell’impianto idrico (effettuato minuziosamente dall’idraulico) e la tinteggiatura di tutte le pareti che non sono ricoperte da rivestimenti. 

2. I costi per ristrutturare la stanza da bagno 

È difficile definire esattamente i costi della ristrutturazione completa di un bagno, in quanto potrebbero variare sulla base dei servizi messi a disposizione dell’impresa edile che svolgerà i lavori. 

Quello che è certo, invece, è il budget che hai a disposizione per l’acquisto dei sanitari, mobili da bagno e di tutto il necessario per arredare la stanza dedicata al relax. Un bagno completo può essere tuo anche a meno di mille euro! 

3. Ma quanto tempo ci vuole?

Anche in questo caso non è possibile stabilire esattamente il tempo necessario per una ristrutturazione completa del bagno. In media sono necessari circa 7-10 giorni lavorativi

Cosa può influire sulle tempistiche? Sicuramente tra i primi posti c’è l’accessibilità al locale (per trasportare il materiale), le dimensioni del bagno, l’impresa e l’organizzazione dei lavori, il reperimento del materiale. 

4. Parliamo di agevolazioni fiscali.

Cosa serve per usufruire delle agevolazioni fiscali? Ne abbiamo parlato qualche tempo fa in un articolo dedicato che puoi rileggere per approfondire ogni singolo aspetto. Ma andiamo con ordine.

Manutenzione ordinaria: i lavori di manutenzione ordinaria non sono detraibili: per esempio, acquistando semplicemente i sanitari, questi ultimi non sono detraibili in quanto considerati all’interno di lavori ordinari. 

Manutenzione straordinaria: al contrario, il completo rifacimento del bagno ti permette di usufruire del Bonus Ristrutturazioni. 

La ristrutturazione edilizia fa riferimento a quegli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un “insieme sistematico di opere che possono portare a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”.

Fanno parte di questa categoria di interventi anche la demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente, o al ripristino di edifici o parte di essi.

Focus su: RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Tecnicamente si definiscono “restauro e risanamento conservativo” gli interventi edilizi rivolti a conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme di opere che ne consentano anche il mutamento delle destinazioni d’uso nel rispetto del piano urbanistico e progettuale.

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA: la ristrutturazione edilizia fa riferimento a quegli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un “insieme sistematico di opere che possono portare a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”.

Fanno parte di questa categoria di interventi anche la demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente, o al ripristino di edifici o parte di essi.

RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO: tecnicamente si definiscono “restauro e risanamento conservativo” gli interventi edilizi rivolti a conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme di opere che ne consentano anche il mutamento delle destinazioni d’uso nel rispetto del piano urbanistico e progettuale.

5. La scelta dei prodotti

Ristrutturare il bagno richiede tempo anche nella fase di scelta dei prodotti. Dai sanitari, ai box doccia, alla scelta del piatto doccia o del mobile da bagno, sul nostro sito niente è lasciato al caso. Ogni categoria del nostro e-commerce è studiata per offrire la più ampia gamma possibile e per rispondere alle esigenze di spazio, budget e gusto personale.

ristrutturare_bagno

Scopri i mobili da bagno, i box doccia e i piatti doccia. Abbina il termoarredo, scegli le luci giuste, i sistemi di scarico, i sanitari e gli accessori.

È certo, troverai davvero tutto!

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Arredare con stile: la libreria è di design!