GIARDINO

La manutenzione dell’arredo giardino [5 consigli per la bella stagione]

18 febbraio 2016
manutenzione arredo giardino

Ogni anno, prima dell’arrivo della primavera, è necessario dare una controllata al proprio giardino per scoprire se c’è bisogno di effettuare interventi di manutenzione specifici per la cura dell’arredo giardino: ecco le 5 fasi da seguire per avere un angolo verde curato in ogni dettaglio per la bella stagione.

Per tutti coloro che hanno la fortuna di possedere un giardino domestico, pensare alla sua cura e manutenzione con buon anticipo permette di non farci trovare impreparati all’arrivo della primavera che precede la stagione estiva!
Durante i mesi più caldi il giardino viene sfruttato per passare piacevoli ore all’aperto, ma oltre alla cura dal punto di vista botanico – piante, manto erboso – sono tante le cose da valutare e curare prima di poter usufruire del giardino e del relativo arredo.
Sai già da dove iniziare?

Segui le fasi descritte in questo articolo e senza troppa fatica ti ritroverai un giardino impeccabile da vivere per la primavera estate 2016.

Fase 1: controlla e valuta lo stato dell’arredo giardino

Prima di ogni altra cosa, dovrai tirar fuori l’arredo giardino dal luogo in cui hai deciso di conservarlo durante il freddo e piovoso inverno: ti sei ricordato di posizionarlo in un luogo asciutto e al sicuro dagli agenti atmosferici che potrebbero rovinarlo, vero? In tal caso, recati nel sottoscala, nel garage o nel porticato per dare un’occhiata da vicino ai vari elementi e per eseguire una valutazione del loro stato.
Dovrai controllare diverse cose come:

  • Il corretto funzionamento di sedie pieghevoli, ombrelloni, gazebo e tavoli allungabili
  • Necessità di pulizia approfondita dei tavoli, delle sedute e delle coperture
  • Esigenza di manutenzione con sostanze specifiche nel caso di arredo giardino in legno

Di conseguenza, prova ad aprire e chiudere le sedie e gli ombrelloni, per verificare che non ci siano intoppi nei meccanismi, e a controllare se ci sono particolari macchie o rotture all’interno del telo del gazebo – in tal caso provvedi alla sostituzione della parte interessata con l’acquisto di teli laterali per gazebo o di teli superiori per gazebo.

Infine, dai un’occhiata ai tavoli e alle sedute in legno per stabilire se c’è bisogno di intervenire con carteggio oppure se è sufficiente una semplice passata di olio.

Una volta stabilito il da farsi per i diversi elementi, procedi con la fase successiva.

Fase 2: interventi di manutenzione

Dopo un’attenta analisi, non ti resta che agire con gli attrezzi giusti, pertanto armati di:

  • spazzola
  • tubo da giardino con getto consistente
  • acqua tiepida
  • panno morbido
  • sapone neutro

Questo arsenale ti risulterà davvero utile per ripulire il tuo arredo giardino, sia che si tratti di mobili in legno che di plastica.

Per lavare l’arredo giardino in legno, al fine di rimuovere sporco e polvere accumulatisi durante la stagione fredda, è necessario munirsi di acqua tiepida e, volendo, di un sapone neutro. In questi casi il sapone di Marsiglia è tra i più gettonati.
Basterà inumidire un panno morbido con la soluzione neutra ottenuta e strofinare delicatamente su tutta la superficie del mobile in legno, per eliminare lo sporco residuo.
Fai attenzione alle giunture e ai punti più angusti: puoi sfruttare una spazzola dalle setole di media durezza per raggiungere gli spazi più piccoli e ottenere una pulizia totale.

* se hai dubbi sulla procedura di materiali speciali chiedi al produttore o nel nostro caso consulta la scheda prodotto e chiedi alla nostra assistenza online.

Alla fine del lavaggio, lascia asciugare il legno all’aria e provvedi a stendere uno strato di olio protettivo con un panno pulito: oltre a nutrire il legno gli donerà un aspetto più lucido e gradevole.
Una volta ripulito, controlla lo stato del legno: il teak e il balau sono entrambi legni molto resistenti e dalle sostanze nutritive oleose già presenti al loro interno, ma se è passato davvero molto tempo dal loro acquisto potresti riscontrare la formazione di pellicine del legno.
In questo caso, usa una carta vetrata molto fine per ripulire questo strato superficiale e procedi a nutrirlo con un po’ d’olio, farà bene ai tuoi mobili!

Se, invece, possiedi arredo giardino in polyrattan, puoi sfruttare il getto del tubo per lavare via tutta la polvere accumulata, passare una spugna morbida e infine terminare con un panno pulito per asciugare i residui di acqua. Anche stavolta, usa una spazzola per i punti di intreccio del polyrattan per ripulire sedie e tavoli al meglio.

A questo punto, controlla tutti i movimenti di sedie pieghevoli, ombrelloni o tavoli allungabili e, laddove necessario, procedi a oliare i diversi meccanismi per facilitare il corretto gioco di apertura e chiusura degli stessi.

Fase 3: riprogetta spazi ed aree del giardino

Questo è il momento che forse attendi dalla scorsa stagione: puoi riprogettare la disposizione dell’arredo giardino come più preferisci, oppure aggiungere mobili che non hai ancora, o cambiare le diverse zone d’ombra create.

A tal proposito, libera la tua fantasia e cerca di completare al meglio l’area del tuo giardino con elementi d’arredo che non hai ancora acquistato: secondo i tuoi gusti, puoi aggiungere un gazebo per ampliare la zona d’ombra, oppure posizionare un divanetto per aumentare il livello di relax nel tuo giardino, o ancora sistemare delle sedie a sdraio per i momenti di riposo.
Insomma, di soluzioni ce ne sono davvero tante!

Fase 4: sostituisci gli elementi d’arredo rovinati e integra acquistando ciò che manca

Ti sembra che quel tavolo ormai abbia fatto il suo tempo e non sia più così solido come una volta? O magari le sedie non ti danno l’impressione di poter resistere a lunghe sessioni rilassanti fino alla fine della prossima stagione?
Forse è giunto il momento di sostituire l’arredo giardino: dai un’occhiata alle diverse soluzioni in legno di teak o balau, si tratta di due legni molto forti e duraturi, solidi e capaci di resistere all’azione del tempo e degli agenti atmosferici, tenendo comunque presenti i basilari accorgimenti per proteggerli dagli stessi.

In particolare, anche se deciderai di fare nuovi acquisti, non dimenticare di proteggere adeguatamente l’arredo del tuo giardino: esistono appositi teli protettivi per mobili da giardino in grado di salvaguardarli dagli agenti atmosferici che tendono a rovinarli col passare del tempo.
A questi possono essere aggiunti dei cappucci per preservare i gli ombrelloni, o ancora dei comodissimi cuscini per le sedute, per garantire il massimo comfort e tutelare allo stesso tempo il sedile.

Fase 5: acquista nuovo arredo giardino e finiture

Sia che tu voglia sostituire l’arredo giardino esistente con mobili in legno teak o balau, o che voglia optare per una soluzione comoda e pratica che richiede la minima manutenzione come il resistente polyrattan, prova a dare un’occhiata alle imperdibili offerte del nostro catalogo!
Nel nostro e-commerce troverai ciò che serve a soddisfare le tue esigenze e i tuoi gusti, a prezzi più che convenienti e scegliendo direttamente da casa tua quello che ti manca prima dell’arrivo della bella stagione.

Potrebbe piacerti anche

No Comments

Leave a Reply