come scegliere un lavello da cucina

Come scegliere un lavello da cucina

Con questa guida online vedremo da vicino come scegliere un lavello da cucina, quali sono i materiali più utilizzati, le differenze tra questi e altri piccoli consigli che ti aiuteranno nella scelta.

Il lavello in cucina riveste un ruolo fondamentale. Deve essere in linea con lo stile e l’arredo dei tuoi ambienti ma, in quanto complemento d’arredo tecnico, deve anche rispondere a precise esigenze in materia di funzionalità e facilità d’uso.

lavello da cucina

Oggi la scelta di un lavello da cucina è resa ancora più “difficile” dalle infinite soluzioni proposte e dalla grande selezione di materiali disponibili.

Ogni anno le più grandi case produttrici di lavelli da cucina sperimentano nuove soluzioni per soddisfare in maniera sempre nuova e più completa tutte le esigenze dei clienti.

La scelta del materiale

La prima scelta riguarda sicuramente il materiale con il quale il lavello da cucina è realizzato. Attualmente il mercato offre numerose soluzioni, lavelli realizzati con materiali innovativi e ricchi di interessanti caratteristiche.

Alla scelta del materiale si legano non soltanto aspetti estetici ma anche aspetti legati alla funzionalità e alla facilità di pulizia e utilizzo.

I lavelli da cucina in acciaio INOX ad esempio sono indicati per cucine dallo stile industriale o particolarmente moderne. Sono accessori molto resistenti ed estremamente validi dal punto di vista igienico. Altri pro sono sicuramente il prezzo d’acquisto relativamente basso e la durata eterna.

lavello cucina resina

Altra categoria molto diffusa è quella dei lavelli da cucina in acrilico o in materiali compositi. Ottima alternativa ai lavelli in acciaio inox questi complementi d’arredo hanno un aspetto più caldo e negli ultimi anni hanno avuto una rapida diffusione. Disponibili in un’infinità di forme e colori differenti garantiscono un’ottima resistenza agli shock termici.

Vasche e dimensioni

In questa guida su come scegliere un lavello da cucina vogliamo precisare come non ci sia una misura o una conformazione esatta quando andiamo ad acquistare un lavello da cucina.

Sicuramente la scelta deve essere proporzionata alle dimensioni del mobile predisposto per l’incasso e alle dimensioni generali dell’ambiente domestico nel quale verrà posizionato il lavabo.

Una volta scelta la dimensione è il momento di scegliere il numero di vasche desiderate. I lavelli a vasca singola permettono di lavare stoviglie anche di grandi dimensioni o di pulire grandi quantità di elementi ma non consentono un utilizzo combinato che troviamo invece solo con una conformazione a due vasche.

scegliere lavello cucina

Hai la necessità di eseguire due operazioni di lavaggio contemporaneamente? In questo caso il lavello da cucina a due vasche è senza dubbio una soluzione più pratica. Ma ricorda, i lavelli a due vasche sono da preferire solo in caso di piani di lavoro di grandi dimensioni.

Presenza di gocciolatoio

Altra soluzione presente sul mercato è quella dei lavelli da cucina con gocciolatoio.

I lavelli con gocciolatoio sono un’opzione utile per il lavaggio di pentole di grandi dimensioni e ne permettono lo sgocciolamento.

Inoltre il gocciolatoio può essere utilizzato come piano d’appoggio aggiuntivo in cucina in caso di necessità.

Lavello da cucina: manutenzione

Come accennato in precedenza la manutenzione di un lavello da cucina è molto legata alla scelta del materiale.

I lavelli da cucina in acciaio INOX, ad esempio, non richiedono grandi opere di manutenzione. Acqua calda e sapone neutro sono sufficienti per la pulizia quotidiana.

Discorso diverso per i lavelli in ceramica. Detersivo per piatti e acqua possono bastare per una pulizia superficiale ma di tanto in tanto sarà necessario un lavaggio con polveri abrasive per una migliore pulizia e per rinnovare l’aspetto del nostro lavello.

Per i lavelli in resina invece possiamo utilizzare del normale detersivo per piatti mescolato in rapporto 1/1 con del bicarbonato di sodio. L’azione del bicarbonato infatti rallenta la formazione di macchie sul fondo del lavello.

Poi con una spugna moderatamente abrasiva procediamo alla rimozione della miscela di detersivo e bicarbonato. Un ottimo modo per rimuovere a fondo grasso e calcare. Infine portiamo avanti le operazioni di risciacquo con acqua tiepida per poi asciugare perfettamente il lavello con un panno in micro-fibra.

Quale rubinetto scegliere per il lavello da cucina

Ottimo, sei giunto alla fine di questa utile guida su come scegliere un lavello da cucina, ma le domande non finiscono qui. Scelto il lavello è il momento di scegliere il giusto miscelatore da cucina da abbinare al lavandino.

Anche questa è una scelta complicata e anche in questo caso dovrai tenere in considerazione più varianti.

Sicuramente il miscelatore dovrà rispecchiare lo stile e il design di lavello e cucina. Poi dovrà rispondere a precise esigenze in termini di funzionalità. Con miscelatore monocomando, a becco girevole, con doppia manopola, con doccetta estraibile sono solo alcuni dei modelli tra i quali ti troverai a dover scegliere.

Ecco alcuni utili link dove trovare preziose informazioni:

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
sanitari per Disabili
Sanitari per disabili: la sicurezza nel tuo bagno