arredo giardino legno teak

Rinnovare l’arredo giardino: i vantaggi del legno Teak

La scelta della mobilia per il tuo giardino è un momento importante e decisivo, ma se sei orientato verso l’arredo giardino Teak allora complimenti: hai scelto il meglio!

Tante sono le ottime caratteristiche del legno Teak, e le sue peculiarità naturali l’hanno reso nel tempo uno tra i legni più pregiati del mercato.
In questo articolo ti spiegherò la potenza di questo nobile materiale capace di assicurare grandi soddisfazioni anche quando utilizzato in esterni come nel caso dell’arredo giardino.

Se è vero che il suo costo rientra nella fascia alta del mercato, è altrettanto vero che alcune delle sue qualità ti permetteranno di risparmiare in termini economici e di tempo per la manutenzione, non dovendo spendere un capitale in prodotti, né dedicare ore alla sua pulizia e manutenzione.

Il Teak e le sue doti speciali

Questo speciale legno è uno dei più richiesti e venduti al mondo, e anche se il primo paese fornitore di questa particolare fibra resta l’Indonesia, ormai si tratta di un mercato troppo interessante per rimanere relegato soltanto al sud-est asiatico.
Il Teak è una betulla tropicale che fa gola ai tanti settori del legno grazie alle sue caratteristiche naturali:

  • Longevità
  • Flessibilità
  • Resistenza

In particolare, gli alberi di Teak possono avere un ciclo di vita anche di 100 anni, resistendo alle intemperie, a pioggia, vento e sole caldo senza troppi problemi.

Il legno Teak riesce a sopportare per natura i cambiamenti climatici delle diverse stagioni senza riportare danni alla superficie, e può essere lavorato e adattato a diverse soluzioni grazie alla sua flessibilità.

L’elasticità di questo legno è dovuta a lunghe sessioni di allenamento, poiché nelle zone in cui cresce sono spesso presenti venti forti, che però non riescono a rovinare gli arbusti di Teak.

sdraio legno teakGrazie a queste sue capacità, il legno Teak non cambia forma, riuscendo a mantenere l’aspetto originario anche dopo diversi anni. Lo sapevano bene i grandi navigatori olandesi, che erano soliti eseguire grandi costruzioni navali proprio con il pregiato legno di Teak.

Ma la vera potenza di questo legno risiede nella resina prodotta dall’arbusto di Teak: si tratta di una sostanza oleosa che è in grado di nutrire e proteggere il legno, rendendolo resistente all’acqua e agli attacchi di insetti o batteri.

Per questo motivo, il legno Teak è molto resistente alla formazione di muffe, dal momento che la sua resina lo rende quasi impermeabile e immune allo sviluppo di batteri indesiderati.

La resina prodotta dal Teak lo protegge naturalmente da:

  • batteri
  • muffe
  • insetti
  • acqua (lo rende impermeabile)

Perché scegliere l’arredo giardino Teak

tavolo legno teakTutte queste specifiche rendono il legno Teak l’ideale per il tuo giardino: potrai avere mobili solidi e resistenti che non si deformano.

Non dovrai temere cambiamenti di forma né colore, perché l’alta resistenza permette ai tuoi mobili da giardino in Teak di mantenere inalterato l’aspetto per molto tempo.

Tutto questo, però, solo se avrai la giusta cura del legno Teak…

Infatti, un’attività di manutenzione (seppur minima) è necessaria per prevenire il disseccamento del legno, dovuto al processo di essiccazione che precede la sua lavorazione, che elimina circa il 10% di acqua presente nel legno per prepararlo alla fase di elaborazione.

Manutenzione: quando e come intervenire sul Teak

Come proteggere il legno Teak?
Per tenere vivo e in buono stato il Teak, basterà usare un olio protettivo specifico per questa tipologia di legno, stendendone uno o più strati a seconda dello stato in cui versano le fibre e del risultato desiderato, e provvedendo alla normale pulizia della superficie.

Quando sta per arrivare la bella stagione dovrai:

  • Ripulire al meglio l’arredo giardino Teak da polvere o sporco ostinato
  • Valutare se è necessario un leggero carteggio per rimuovere la parte più superficiale
  • Stendere almeno uno strato di olio protettivo

panca legno teakPrima di tutto procurati un panno morbido e pulito, e procedi eliminando la polvere accumulata sul mobile in legno Teak: se la superficie del legno non si presenta perfettamente liscia ma con alcune normali pellicine, provvedi a eseguire un leggero carteggio.
A tal proposito, procurati una carta abrasiva con grana 60 o 80, ma cerca di essere il più delicato possibile in questa fase, con movimenti perpendicolari alle venature delle fibre per rimuovere la parte più rovinata (e ingrigita) del legno.

Se non si rivela necessario carteggiare il Teak, puoi ripulire l’arredo giardino lavandolo con acqua abbondante e un sapone neutro e delicato, aiutandoti con una spazzola dalle setole morbide per raggiungere lo sporco più nascosto.

A fine lavaggio lascia i mobili asciugarsi all’aria aperta per qualche giorno e, quando completamente asciutti, infila i guanti di protezione e passa uno strato di olio protettivo.
Con questa operazione potrai nutrire il legno Teak, proteggerlo da agenti esterni e ridargli un colore brillante come da nuovo.

3 idee per l’arredo giardino Teak

Se ancora non hai acquistato i tuoi mobili da giardino, oppure sei in procinto di rinnovare l’arredo, non puoi perderti le nuove proposte di Deghishop: un set completo da giardino, una panca, e una comoda sdraio sono quello che ti serve per rifinire il tuo giardino.

Con il set da giardino in legno Teak potrai sistemare due sedie e un tavolino nella tua area verde di casa, dove potrai approfittare per rilassarti sorseggiando un buon tè con le tue letture preferite, ma se dovessero aggiungersi altri membri di casa o amici niente è meglio della caratteristica seduta a panca in Teak.

Infine, per un relax completo, non puoi rinunciare alla sdraio reclinabile per stenderti sotto i caldi raggi del sole o rilassarti all’ombra per riposare!

Scopri sul nostro catalogo l’assortimento in pronta consegna di prodotti per l’arredo giardino in legno Teak.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Colonna doccia: quando lo stile conviene