annaffiare le piante in vacanza

Annaffiare le piante in vacanza: le 5 + 1 soluzioni

Lo sai che è possibile continuare ad annaffiare le piante anche quando sei in vacanza fuori città?

L’estate è finalmente arrivata, il caldo che toglie il respiro non perde occasione per ricordarlo.

Solo pochi mesi fa hai consegnato il piano ferie al tuo capo. In quel momento l’estate ti sembrava lontana, ma adesso no.

Le ferie estive sono dietro l’angolo e con esse la tua voglia di partire e di godere un po’ del riposo che giustamente ti spetta.

Ma quando sarai in vacanza chi penserà alla casa? Chi si occuperà di tutte quelle piccole faccende domestiche che reclamano la tua presenza?

annaffiare in giardino

E soprattutto, chi si occuperà di annaffiare le piante quando sarai in vacanza?

Ecco le nostre soluzioni per annaffiare le piante in vacanza

In questo post ti farò vedere 5 soluzioni più 1 bonus per annaffiare le piante in vacanza. Questi trucchi e consigli però sono validi solo per le piante in vaso.

In caso di giardini di grandi dimensioni con piante a terra ti consigliamo di predisporre un sistema di irrigazione automatico.

1 Annaffiare le piante con i distributori d’acqua

I moderni distributori d’acqua autonomi funzionano a batteria e ti consentono di annaffiare i tuoi vasi anche per periodi abbastanza lunghi fino ad un massimo di 40 giorni.

I serbatoi hanno una capienza variabile e il sistema di irrigazione evita gli sprechi d’acqua.

giardinaggio annaffiatoio

Una soluzione adatta anche agli ambienti interni che regala tranquillità e poche complicazioni.

2 Utilizzare le vecchie bottiglie di plastica vuote

Una soluzione fai da te che prevede il riutilizzo di vecchie bottiglie di plastica vuote. Tutto quello che devi fare è praticare dei piccoli fori sul tappo della bottiglia, riempirla e piantarla nel tuo vaso con il tappo sotto la terra.

I piccoli fori sul tappo assicurano un lento rilascio dell’acqua e si prenderanno cura delle tue piante durante la tua assenza.

3 L’evoluzione della bottiglia: la sfera da irrigazione

Questa sfera in plastica è solitamente dotata di due piccoli tubi all’estremità che devono essere inseriti nel terriccio in prossimità delle radici della pianta.

La sfera di irrigazione è una soluzione per annaffiare le piante in vacanza che puoi utilizzare tutto l’anno.

4 Il puntale da irrigazione per lunghi periodi di assenza

Il puntale da irrigazione è assicura un’adeguata riserva d’acqua alle tue piante in vaso anche per lunghi periodi di assenza, fino a 50 giorni, in base alle dimensioni del recipiente.

Tutto il dispositivo è basato sul principio dei vasi comunicanti e in commercio ne esistono di diversi materiali e dimensioni.

vasi giardino

Si inserisce il puntale in ceramica all’interno di una bacinella contenente acqua, poi dopo circa 15 minuti lo stesso puntale verrà inserito completamente all’interno del vaso mentre l’altro capo del tubo di alimentazione verrà lasciato all’interno della bacinella piena d’acqua.

N.B. Per il corretto funzionamento del puntale da irrigazione è necessario che la bacinella d’acqua sia posta più in basso rispetto al serbatoio presente sul puntale in ceramica.

5  L’acqua gelificata per annaffiare le piante

L’acqua gelificata viene utilizzata sotto forma di sfere contenute all’interno di un tubo da inserire nel terreno.

Le sfere si disgregano in modo graduale e costante per essere assorbite dalle radici della piante sotto forma di acqua.

Grazie alle sfere d’acqua gelificate le tue piante in vaso potranno sopravvivere anche per lunghi periodi. Ti basterà aumentare il numero di sfere e il gioco è fatto.

Bonus Track: utilizzare i moderni vasi da esterno con sistema di riserva d’acqua

vaso con riserva acqua

Tutte quelle viste finora sono soluzioni molto semplici per annaffiare le piante in vacanza e si avvicinano ai rimedi tipici del fai da te.

Ma in questa traccia bonus voglio proporre una soluzione talmente semplice e intuitiva che sono sicuro apprezzerai tantissimo.

Hai mai sentito parlare dei vasi da esterno o interno con sistema di “Self Watering”?

No, eh?

Beh, molto semplicemente questi vasi realizzati in plastica riciclabile hanno una caratteristica che li differenzia da ogni altro tipo di vaso sul mercato.

Una riserva d’acqua integrata.

In questo modo è possibile annaffiare le piante in vacanza senza preoccupazioni.

Un beccuccio posto sulla parte superiore del vaso permette di riempire la riserva d’acqua.

self watering

Poi una griglia di drenaggio filtra l’acqua in eccesso che si deposita su di un fondo sottostante il vaso da dove viene richiamata direttamente dalle radici della pianta in caso di necessità.

Non pensavi potesse esistere un modo così semplice per annaffiare le piante durante le vacanze, vero?

Lascia un commento e condividi con noi i tuoi trucchi e consigli per annaffiare le piante durante i prolungati periodi di assenza!

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Il Teak per i tuoi spazi esterni: un legno che fa la differenza