DEGHI

Ecommerce e corrieri: a tu per tu con BARTOLINI

21 luglio 2017

Ho incontrato nei nostri uffici di Lecce Fausto Martina, direttore della filiale BRT Lecce, e Andrea Orlando, direttore della filiare di BRT Bari, per parlare insieme di ecommerce.

Ho voluto invitarli in una calda giornata d’estate per fare una chiacchierata, per fare il punto della situazione.
Con entrambi ci conosciamo da tempo.
Entrambi hanno visto il cammino che Deghi ha compiuto, fino a oggi.

Non avevo compiuto ancora 30 anni, avevo in testa mille idee, ero spinto a fare sempre di più, a sfruttare le energie che la vita mi aveva dato in un momento di grande sconforto da un punto di vista personale, lavorativo. Il mio obiettivo era di fare un lavoro che mi gratificasse nella terra che ho sempre amato: Lecce.

Soprattutto avevo la voglia – enorme – di fare fare fare, di non arrendermi.

La spinta maggiore veniva da una forte voglia di riscatto. Riscatto di una vita che non mi apparteneva più, riscatto da un mondo del lavoro che mi aveva ripetutamente sbattuto la porta in faccia.

Era il 2009, eravamo nel pieno avanzare della crisi economica, quando invitai nel mio ufficio (il salotto di casa) Andrea Orlando, all’epoca direttore della filiale BRT di Lecce, oggi di Bari.

Lo invitai a sedere sul divano di casa mentre mia madre ci preparava il caffè, in moka.

Andrea Orlando: Ricordo benissimo quel giorno, Alberto. Lo ricordo come se fosse ieri. Quello che mi ha colpito maggiormente di te è stata la forte determinazione, oltre alla tua giovanissima età.
Solo 29 anni e un progetto nella testa chiaro che stava lentamente prendendo forma. Quello fu il nostro primo incontro, ma per il primo contratto Deghi-BRT dovevano passare ancora 3 anni, giusto il tempo di affermarti sul panorama delle vendite online, dell’ecommerce.

Sì, Andrea. Ero giovane e pieno di energie, come adesso d’altronde, eh.

Fausto Martina: Alberto, ricordi? Il 14 febbraio del 2012 abbiamo firmato il nostro primo contratto. Nel 2012 eri stato classificato come cliente A di Bartolini, oggi cliente TOP (e poi, vedremo…).
Insieme abbiamo vissuto la crescita della tua azienda che oggi conta:

  • 60 dipendenti tra magazzino e uffici;
  • 1 magazzino di 15 mila metri quadrati;
  • un parco clienti che raggiunge i 150 mila annui;
  • un numero di spedizioni che si aggira intorno alle 400 giornaliere.

Cifre che – sia nel 2009 che nel 2012 – nessuno di noi avrebbe mai immaginato
La sfida la vinciamo ogni giorno, Alberto.

Certo Fausto, il tempo passa e noi nemmeno ce ne accorgiamo.
Mi sembra ieri che parlavamo dei nostri primi accordi, o che capivamo insieme come creare l’imballo perfetto per ridurre al minimo i danni.
Siamo partiti da zero. Oggi possiamo vantare imballi sicuri che difficilmente creano problemi.
Mi fermo un attimo a pensare… Ma secondo voi, l’ecommerce ha cambiato anche il vostro modo di lavorare? Perché sicuramente ha cambiato il modo di vivere di tutta la popolazione mondiale che ha accesso alla rete.
Ha creato lavoro, fa girare il mercato e spinge chi ha veramente la voglia di mettersi in gioco, a mettersi in gioco.

Andrea Orlando: L’ecommerce ha cambiato tutto, Alberto.
Ha cambiato il nostro modo di operare già dalla prima spedizione.
Intanto, è cambiato il cliente di Bartolini. Il cliente, oggi, diventa il gestore diretto della sua spedizione, la può tracciare, seguire, stare in certo senso più tranquillo prima ancora.
La prima innovazione in BRT che l’ecommerce ha portato riguarda il customer care: siamo entrati in un’ottica più grande. Il customer service BRT oggi è diviso per regioni, non è più nazionale. Quindi, noi abbiamo creato una rete di servizi Puglia strutturata e precisa.

Fausto Martina: Parliamoci chiaro, i prodotti Deghi non sono prodotti semplici da gestire. Trovare l’imballo giusto, come dicevi tu, Alberto, ci ha tenuti impegnati per diversi mesi, anni… Ricordo che ti facevo un colpo di telefono quando vedevo cartoni abbandonati in strada ancora in ottime condizioni… E tu correvi a prenderli, e lì subito a studiare il modo per utilizzarli al meglio.

Oggi, sebbene i tuoi imballi rasentino la perfezione, dobbiamo insieme continuare a cercare l’imballo perfetto. Credo che noi, come filiale BRT Lecce, abbiamo dato, e diamo ancora oggi, un supporto importante alla crescita di Deghi.

Andrea Orlando: Dal 2012 al 2017 sono cambiate moltissime cose. Oggi l’organizzazione interna tra Brt e Deghi ha un’efficienza del 100% su tutti gli autotreni in partenza. Ogni giorno partono dalla sede di Bari dai 4 ai 6 autotreni. Un numero parecchio alto.
Quindi posso dire con sicurezza che Deghi è un cliente per BRT sul territorio pugliese unico nel suo genere.

Mi piacerebbe avere sempre la misura delle cose, capire l’andamento e i flussi aziendali… Per questo motivo vi ho chiesto di portare con voi alcuni dati che mi piacerebbe condividere con i nostri lettori…

Ho chiesto ai miei ragazzi di lavorare su questi numeri… E ne è venuto fuori questo grafico…

Grazie ad Andrea Orlando e Fausto Martina per aver accettato di fare questa intervista, questa chiacchierata

Alla prossima!

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia una risposta

Privacy Policy